Rivoluzione scientifica

La Rivoluzione Scientifica si riferisce a un periodo di tempo, tra il XVI e il XVII secolo, in cui lo sviluppo di campi come la fisica, la biologia, la chimica, tra gli altri, ha dato origine alla fondazione della scienza classica; e questo, a scapito delle idee predominanti stabilite dalla Chiesa e dalla religione.

Rivoluzione scientifica

La Rivoluzione Scientifica, quindi, si riferisce a un periodo di tempo in cui, come indica il nome, le scienze giocano un ruolo determinante. Ed è che, durante i secoli XVI e XVII, a metà dell’Età Moderna, lo sviluppo di campi come la chimica, l’anatomia, l’astronomia, oltre a quelli precedentemente citati, pose le basi della scienza classica. E tutto questo, a scapito di una Chiesa, oltre che di una religione, che offriva risposte obsolete.

In questo modo, la Rivoluzione Scientifica ha fatto sì che i metodi di costruzione della conoscenza si fondassero sull’osservazione, sulla sperimentazione e sulla razionalità. Metodi molto messi in discussione, poiché la Chiesa aveva un grande potere e capacità di influenzare il pensiero della popolazione. Ed è che, in numerose inchieste, la Rivoluzione Scientifica si è opposta ad alcuni postulati che la Chiesa riteneva validi e, quindi, anche la popolazione.

Per questo motivo, l’Inquisizione, attraverso il controllo dei libri, tra le altre pratiche, ha cercato di fermare l’avanzata di questi scienziati. In questo modo, ha cercato di garantire che i fedeli non perdessero la fiducia di fronte alle nuove teorie. Ecco perché personaggi come Galileo Galilei, René Descartes, tra altri illustri scienziati, hanno dovuto confrontarsi con queste correnti di pensiero offerte dalla Chiesa; anche se questo, come accadde in certe occasioni, costò loro la vita.

Il concetto di rivoluzione scientifica è stato coniato dallo storico Alexandre Koyré nel 1939.

Caratteristiche della rivoluzione scientifica

Vediamo ora le caratteristiche principali di questa rivoluzione:

  • Si riferisce a un periodo di tempo compreso tra il XVI e il XVII secolo.
  • Grazie a questo periodo vengono poste le basi della scienza classica, e delle teorie che possono essere considerate i primi approcci alla scienza moderna.
  • La Chiesa, attraverso l’Inquisizione, cercò di fermare il progresso di queste scienze.
  • Questa rivoluzione è stata possibile grazie allo sviluppo di alcuni campi come la biologia, la chimica, l’anatomia, tra gli altri. Tuttavia, quei campi in cui si sono verificati i maggiori cambiamenti sono stati la matematica, l’astronomia e la fisica. E tutto questo, dando origine al metodo scientifico.
  • Da allora, la costruzione della conoscenza si è basata sull’osservazione, la sperimentazione e la spiegazione razionale.
  • La Chiesa, a causa dell’avanzare di questa rivoluzione, cominciò a perdere potere; perdendo il senso delle proprie idee grazie all’osservazione di molti scienziati dell’epoca. Tra questi scienziati spiccano René Descartes e Galileo Galilei.
  • Molti di questi scienziati sono costati la vita per difendere le loro teorie.

Fasi della rivoluzione scientifica

Poiché tutti i cambiamenti non avvengono contemporaneamente, la Rivoluzione Scientifica può essere suddivisa in 4 fasi principali.

Queste 4 fasi sono denominate in base al contributo che si è verificato in quella fase:

  1. Rivoluzione Copernicana : Iniziata da Nicolás Copernicus e fortemente focalizzata su campi come l’astronomia e la fisica. In questa fase spiccano scienziati come Newton o Galileo.
  2. Rivoluzione darwiniana : Prende il nome dai contributi di Charles Darwin. Si concentra su campi come la biologia e le scienze della terra. In questo senso, il suo contributo principale è la teoria dell’evoluzione.
  3. Rivoluzione Einsteiniana : Si riferisce alle teorie sviluppate da Albert Einstein. Si concentra su campi come la fisica.
  4. Rivoluzione indeterministica : si riferisce alla posizione assunta dagli scienziati, contrariamente alla posizione che la scienza fosse deterministica. In questo senso, quella concezione fu superata, dando origine a una scienza in cui si contemplava quell’indeterminatezza.

Alcuni personaggi della Rivoluzione Scientifica

Per dare nomi e cognomi a quegli scienziati che hanno guidato questa rivoluzione, diamo un’occhiata ad alcuni di loro, così come i campi in cui sono stati coinvolti:

  • Galileo Galilei : Un filosofo, matematico, inventore e fisico che ci disse che la terra era rotonda, e non piatta come si credeva allora.
  • René Descartes : filosofo e matematico. Padre del razionalismo moderno.
  • Francis Bacon : padre dell’empirismo. Considerato il padre del metodo scientifico sperimentale.
  • Isaac Newton : fisico e matematico. Era un ricercatore elementare per lo sviluppo della scienza moderna.

Principali contributi della Rivoluzione Scientifica

Tra i principali contributi di questa rivoluzione, va notato che non solo troviamo teorie, ma abbiamo anche strumenti che hanno reso la scienza più precisa.

In questo senso, possiamo evidenziare quanto segue:

  • Nicolás Copernicus pubblicò i suoi studi sui movimenti dei pianeti.
  • Galileo Galilei fece osservazioni in cui seppe concludere con un ragionamento che oggi persiste come il nostro pianeta abbia un corpo rotondo, e non piatto come si credeva.
  • Johannes Kepler, come Copernico, sviluppò grandi teorie in campi come l’astronomia e il movimento dei pianeti.
  • Isaac Newton sviluppa, sulla base di Keplero e Galileo, la legge di gravitazione universale.
  • René Descartes, grazie alle sue ricerche, stabilisce il cosiddetto metodo scientifico.

Inoltre, tra quegli strumenti che abbiamo citato, troviamo i seguenti esperimenti:

  • Galileo Galilei, per lo sviluppo delle sue teorie, migliorò notevolmente il telescopio.
  • Antonie van Leeuwenhoek ha sviluppato microscopi con grande successo.
  • Blaise Pascal ha inventato la cosiddetta calcolatrice meccanica.
  • L’invenzione della pompa a vuoto di Otto von Guericke ha consentito una ricerca altamente sviluppata.
  • A sua volta, lo sviluppo delle macchine industriali, e del digestore a vapore di Denis Papin, diede origine a ciò che avrebbe poi guidato la Rivoluzione Industriale: la macchina a vapore.

Critiche alla rivoluzione scientifica

Tra le critiche più valide c’è la tesi della continuità. Questa tesi ci mostra che, durante questa fase, non ci sono grandi cambiamenti nello sviluppo della scienza che ricevono la qualifica di "rivoluzionari".

Secondo questa teoria, i progressi non sono altro che lo sviluppo naturale della scienza e non, come definiscono molti altri storici e scienziati, una conseguenza di una rivoluzione.

Pertanto, secondo questa tesi, la scienza si è sviluppata, senza sosta, nel corso della storia. E questi cambiamenti che avvengono qui, come altri nel passato e nel futuro, non sono la conseguenza di una rivoluzione, ma del naturale sviluppo della scienza.