Punto di base

Il punto fondamentale è un’unità di misura utilizzata nel mondo finanziario che si riferisce al centesimo dell’1%, cioè allo 0,01%. È comune utilizzare il punto di base quando si parla di tassi di interesse o rendimenti.

Punto di base

Quotidianamente ascoltiamo o leggiamo notizie relative ai mercati finanziari o ai tassi di interesse che fanno riferimento a variazioni nei punti fondamentali. Sicuramente ti sei mai chiesto cos’è un punto di base e a cosa serve. In questo articolo te lo spieghiamo in modo semplice, dovrai semplicemente imparare una relazione fissa.

Per sapere cos’è un punto di base, prenderemo l’1% come riferimento. Il punto di base è un centesimo di quell’1%, che si traduce in 0,01%. In questo senso, l’1% è 100 punti base. L’utilizzo del punto base facilita la comprensione delle variazioni subite da una certa percentuale.

A ciò si aggiunge che si riducono anche gli errori poiché non è lo stesso dire che, ad esempio, la redditività di un asset è passata dal 7,2% al 7,8% che dire che è aumentata di 60 punti base. È un modo più semplice per capire le fluttuazioni di una percentuale.

Esempio di punti base

Supponiamo che il nostro portafoglio di investimenti abbia avuto un rendimento cumulativo del 15,3% fino alla scorsa settimana. Dopo una settimana rialzista sui mercati finanziari, la redditività è salita al 17,4%. La differenza percentuale è del 2,1% mentre l’incremento in punti percentuali è di 210 punti base.

Ecco una tabella esplicativa della relazione tra punti base e percentuale:

Percentuale Punti di base
0,01% 1
0,1% 10
0,5% cinquanta
1% 100
10% 1.000
75% 7.500
100% 10.000

In conclusione, un punto fondamentale è un centesimo dell’1%. È un termine ampiamente utilizzato nel campo degli investimenti e dei tassi di interesse. È comune che i notiziari facciano riferimento a variazioni del prezzo di diversi asset o del premio per il rischio, ad esempio utilizzando l’unità di misura del punto base.