porto franco

Un porto franco in economia è un luogo che gestisce l’ingresso e l’uscita di merci e persone sotto un controllo normativo meno rigoroso. Questo, rispetto ad altri terminal marittimi o aerei nello stesso paese in cui ti trovi.

porto franco

Cioè in un porto franco (detto anche porto franco) sono agevolati lo scambio e il trasporto di beni e servizi. Si crea così un particolare quadro normativo dove, tra le altre misure, vengono stabilite tasse più basse sulle importazioni in detto territorio.

Questi sono solitamente spazi in cui c’è spazio per un gran numero di operazioni economiche. Questi vanno dal deposito alla distribuzione delle merci.

La proliferazione di questo tipo di zona è iniziata nella prima metà del XX secolo, tra la prima e la seconda guerra mondiale. A sua volta, il fenomeno si è verificato soprattutto nei porti dei paesi europei.

Vari fattori hanno contribuito alla moltiplicazione di questi terminali speciali. Ci riferiamo, ad esempio, allo sviluppo del business e al miglioramento delle comunicazioni e dei trasporti. Inoltre, c’è il desiderio delle aziende di tutto il mondo di aprirsi all’esportazione e all’importazione.

Caratteristiche notevoli di un porto franco

Le principali caratteristiche di un porto franco sono le seguenti:

  • Il regolamento prevede una serie di agevolazioni fiscali per determinati prodotti o operatori commerciali, arrivando anche all’eliminazione delle tariffe in alcuni casi.
  • La sua creazione può essere una forma di incoraggiamento da parte di un particolare governo. In questo modo, cerca di attirare un maggior volume di scambi in una determinata area geografica. Si persegue così lo sviluppo della popolazione e la creazione di posti di lavoro nel porto e nei suoi dintorni.
  • Una moltitudine di aziende e organismi di regolamentazione convergono. Per questo motivo è necessario godere di un’ampia superficie di terreno e di possibilità per il trasferimento e lo stoccaggio delle merci.
  • Hanno spesso tasse doganali differenziate (come abbiamo detto sopra).
  • Si tratta di aree chiuse e controllate dalle autorità attraverso rigidi controlli di accesso.

Esempio di porto franco

In generale, gli aeroporti internazionali rientrano nella categoria dei porti franchi. Questo perché di solito hanno uno spazio in cui è possibile effettuare transazioni esentasse. Allo stesso modo, i grandi porti marittimi sono spesso in questa classificazione.

In Spagna, ad esempio, il porto di Barcellona è di particolare importanza storica come porto franco o franco. Questa condizione è stata mantenuta anche dal secolo scorso, e molto prima della tendenza alla globalizzazione che il mondo ha vissuto da allora.