Ostracismo

L’ostracismo si riferisce alla condanna all’esilio subita da coloro che non erano considerati benigni per la democrazia dell’antica Grecia.

Ostracismo

In generale, l’ostracismo si riferisce all’isolamento sociale. Succede quando una persona, per motivi diversi, si ritira dalla vita sociale; sebbene l’imposizione sia più comune dell’autoimposizione.

Il termine ha origine nell’antica Grecia, ed era l’esilio subito da persone ritenute dannose per la vita pubblica. Allo stesso modo, si applica anche ad altri campi come la politica o le relazioni sociali.

Origine dell’ostracismo

Come accennato all’inizio, il termine deriva dall’antica Grecia, ma ha un’origine molto particolare.

Etimologicamente, ostracismo deriva dal greco ostrakismós , che a sua volta deriva da óstrakon , che era un pezzo di ceramica dove venivano scritti i nomi di possibili esuli.

Nel VI secolo a. C. sviluppò, ad Atene, la legge dell’ostracismo, con la quale una determinata persona veniva condannata all’esilio. L’operazione era la seguente: una volta all’anno, l’assemblea si riuniva e votava per alzata di mano se era conveniente applicare l’ostracismo. Pochi mesi dopo, si riunì, insieme a un totale di 6000 cittadini e ognuno di loro scrisse, sui frammenti di ceramica di cui abbiamo parlato prima, il nome di chi proponevano all’esilio. La persona che aveva il numero di voti stabilito doveva lasciare la polis.

Il termine che il cittadino doveva lasciare la città era di dieci giorni, e la proroga della pena era di dieci anni. Sembra una pena non eccessivamente severa, poiché l’esule conservava la cittadinanza e poteva essere riammesso con voto popolare prima della fine del suddetto termine. All’inizio, la legge veniva applicata per fermare le pratiche abusive e tiranniche di coloro che detenevano il potere. Ma, negli anni, è diventata un’arma politica con cui sono stati eliminati gli avversari politici.

Come abbiamo appena visto, il termine sta alla base della peculiare coincidenza che le votazioni siano state fatte con frammenti rotti delle ceramiche realizzate dagli artigiani. Dal momento che la votazione si è svolta nella zona dove avevano i loro laboratori.

ostracismo politico

L’ostracismo è ancora molto presente nel campo della politica, ma non nel modo in cui è avvenuto in Grecia. In questo senso, si verifica quando una persona di un certo partito comincia a separarsi all’interno della propria formazione.

Alcune delle cause di ciò che accade possono essere:

  • Dissenso con il programma politico utilizzato in alcune elezioni.
  • Disaccordo con le alleanze ei patti proposti dalla dirigenza del partito.
  • Le critiche che si possono fare al funzionamento del partito o del suo governo.
  • La discrepanza prima dell’evoluzione ideologica del partito.

ostracismo sociale

Il termine ostracismo, come sappiamo e come abbiamo visto con l’esempio della Magna Grecia, vale anche per la sfera sociale. Se questo è "imposto" da altre persone, è sinonimo di esclusione, seguendo la linea del paragrafo precedente. È sofferto da quelle persone che hanno goduto di determinate relazioni e attività sociali ma che, per una serie di motivi, sono state allontanate da loro. Il resto delle persone con cui ha condiviso questa attività l’ha messa da parte per fargli abbandonare tale pratica.

Se invece è autoimposto, si riferisce all’isolamento volontario per motivi come la fama e l’impossibilità di condurre una vita normale. Viene portato avanti da numerose celebrità di mondi come quello dell’arte e dello sport, per avere un carattere introverso che si scontra frontalmente con la fama derivata dalla loro professione. Lo sviluppo della loro vita quotidiana è in gran parte ridotto all’ambiente familiare e lavorativo, lasciando attività che possono comportare un eccessivo contatto sociale.