NATO

La NATO (Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico) è un’organizzazione militare internazionale composta da diversi paesi con l’obiettivo di stabilire una difesa comune comune.

NATO

La NATO è nata il 4 aprile 1949, con la firma del Trattato Nord Atlantico a Washington (USA). È stato creato nel contesto della guerra fredda tra gli Stati Uniti e l’URSS, al fine di proteggersi dall’elevata presenza e capacità di armi dell’Unione Sovietica.

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, i paesi alleati occidentali iniziarono a osservare cosa era diventato il paese russo e quali erano le sue forme di organizzazione ed espansione. Oltre a osservare come il comunismo è stato organizzato internamente, è in questo contesto di preoccupazione che nasce la necessità di organizzarsi da parte dei paesi europei.

Creazione della NATO

Nasce così il Trattato di Bruxelles, firmato da Belgio, Francia, Lussemburgo, Gran Bretagna e Paesi Bassi nel 1948. Successivamente, questi paesi iniziarono a negoziare con Canada e Stati Uniti la creazione di un’alleanza transatlantica. Questa trattativa e l’incorporazione di altre nazioni europee hanno infine dato origine alla NATO.

Il trattato

Il Trattato che dà corpo all’organizzazione è stato firmato dai paesi fondatori il 4 aprile 1949, ma è entrato in vigore solo il 24 agosto dello stesso anno. Il testo si compone di quattordici articoli, e nel preambolo accettano il primato dei valori promossi dalla Carta delle Nazioni Unite, fondando la loro azione sulla pace e la sicurezza di tutte le sue componenti.

L’articolo 1 è una dichiarazione di intenti, in cui si dichiara che le controversie internazionali saranno mediate pacificamente in cui la pace, la sicurezza e la giustizia sono in pericolo. Oltre a non usare la minaccia o la forza in casi non inclusi nella Carta delle Nazioni Unite.

L’articolo 2 stabilisce gli obiettivi, per migliorare le relazioni internazionali pacifiche, promuovere la stabilità e il benessere e stimolare la collaborazione economica.

Il resto degli articoli del trattato stabilisce questioni più specifiche, come l’obbligo di fornire assistenza in caso di attacco armato all’interno dei territori firmatari, e ciò che è considerato un attacco armato. Oltre a come i nuovi Stati possono aderire e come possono cessare di essere membri. Anche l’esistenza di un Consiglio e dei necessari organi sussidiari.

membri della NATO

I paesi membri della NATO sono organizzati come mostrato nella tabella seguente.

Nazione Data annessione
Belgio, Canada, Danimarca, USA, Francia, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito 1949 (Fondatori)
Grecia, Turchia 1952
Germania (federale) 1955 (nel 1990 lo farebbe il resto del territorio)
Spagna 1982
Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca 1999
Bulgaria, Slovacchia, Slovenia, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania 2004
Albania, Croazia 2009
Montenegro 2017.
Macedonia del Nord 2020

Struttura e organizzazione della NATO

Nella Nato c’è una divisione strutturale, da un lato ci sarebbe il ramo politico e dall’altro quello militare. Per quanto riguarda la struttura politica, la NATO ha una sede a Bruxelles, composta da delegazioni NATO. Queste delegazioni sono il gruppo di persone che rappresentano i paesi membri e ciascuna di esse è guidata da un "ambasciatore".

All’interno della sede c’è il Consiglio Nord Atlantico , che è l’organo politico decisionale, ed è composto dagli ambasciatori che guidano le delegazioni. Questo organo è presieduto dal Segretario generale , che è il più alto rappresentante responsabile e politico della NATO. Allo stesso livello del Consiglio c’è anche il Nuclear Plans Group , la cui competenza è ridotta alla politica nucleare.

Ad un secondo livello c’è l’Assemblea parlamentare della NATO , che è composta da membri del potere legislativo di ciascuno Stato membro, oltre ad altri partner. Tale organo, attraverso comitati subordinati , stabilisce l’ordine del giorno del Consiglio. I comitati si occupano spesso di questioni tecniche e politiche da esperti e rappresentanti nazionali.

La struttura militare è composta da altri organi, quello con la più alta gerarchia è il Comitato Militare , ed è incaricato di elaborare la strategia militare sulla base degli indirizzi politici adottati dal Consiglio. Esercita inoltre funzioni consultive nei confronti degli organi politici. È composto dai Capi di Stato Maggiore della Difesa dei Paesi membri, dal personale militare internazionale, dall’organo esecutivo del Comitato Militare e dalla struttura di comando militare.

Infine, la struttura di comando militare è costituita dall’Allied Operations Command e dall’Allied Transformation Command .

Interventi rilevanti

Tra gli interventi NATO più rilevanti ci sono:

  • Libia (2011) : In un contesto in cui Gheddafi, il massimo leader del Paese, ha effettuato una repressione contro la popolazione che si era manifestata contro il regime. L’Onu approva l’intervento del Paese. E la NATO procede all’invasione per ristabilire l’ordine nazionale e per porre fine alla guerra civile in corso. La guerra si è conclusa con la morte di Gheddafi e la sconfitta delle forze nazionali per mano dei gruppi ribelli e della Nato.
  • Jugoslavia (1999) : Il paese è stato immerso in una grande guerra civile causata principalmente dalle tensioni tra i diversi gruppi etnici della popolazione. Nel 1999, la NATO ha effettuato un bombardamento sulla regione del Kosovo per fermare tutte le azioni militari che si stavano svolgendo nel territorio. Questo intervento è stato molto importante perché effettuato senza la preventiva autorizzazione dell’ONU.