Materialismo storico

Materialismo storico

Materialismo Storico

Il materialismo storico è la concezione materialistica della storia. Questo termine è stato coniato da Georgy Plekhanov, un marxista che alludeva al quadro concettuale individuato da Marx e studiato insieme a Engel, cercando di comprendere la storia umana.

Il materialismo storico, quindi, si riferisce a una dottrina che, secondo Marx ed Engels, i cambiamenti nello spirito della società, tenendo conto che si sono espressi nella sovrastruttura, derivano dai rapporti economici di produzione. E non viceversa, come difendono altre dottrine.

Pertanto, il materialismo storico cerca di percepire quei cambiamenti storico-culturali che si verificano a causa delle condizioni materiali di vita e della stessa lotta di classe definita da Marx. Tutto questo, in contrasto con la credenza di Hegel in cui stabilisce la successione della storia basata sulla determinazione dello spirito.

Sebbene il concetto sia stato coniato da Plekhanov, le sue basi sono stabilite negli approcci di Marx ed Engels.

Caratteristiche del materialismo storico

Tra le principali caratteristiche che presenta, vanno evidenziate le seguenti:

  • Concepisce che tutto ciò che si riferisce a una società è determinato dal suo modello di produzione.
  • Stabilisce che i cambiamenti socioeconomici non dipendono dalla determinazione individuale.
  • Mostra l’economia come base della storia sociale.
  • Le trasformazioni storiche sono la conseguenza delle forze produttive.

Il materialismo storico e i suoi elementi

Questo materialismo tiene conto, per il suo studio, di due elementi fondamentali:

  1. La struttura : forze produttive, rapporti e modi di produzione.
  2. La sovrastruttura : Istituzioni e regolamenti che esprimono lo spirito sociale.

Da questi due elementi e dalla loro interazione, Marx ha considerato la trasformazione storica e sociale.

Materialismo storico e trasformazioni sociali

Marx ed Engels hanno posto le basi di questa dottrina. In questo senso, Marx ha giustificato quei cambiamenti storico-culturali che avvengono nella storia, dovuti alle condizioni materiali di vita e alla stessa lotta di classe.

Pertanto, queste trasformazioni sono avvenute a causa di due fattori essenziali:

  • Lotta di classe.
  • Modalità di produzione.

In questo modo, la cronologia della storia, secondo Marx, è determinata dall’attività economica della società.

Materialismo storico e capitalismo

Per il materialismo storico definito da Marx, il capitalismo è un sistema di organizzazione politico-economica che ha grandi difetti. Questo perché non obbediscono a un’evoluzione naturale della società e della storia, ma piuttosto a una costruzione storico-sociale.

Ciò ha fatto sì che tali sistemi organizzativi, secondo l’autore, possano essere messi in discussione, oltre ad essere incanalati in altri modelli più validi. Come nel caso del comunismo.

Per questo Marx stabilì come requisito fondamentale la coscienza di classe, nonché il controllo dei mezzi di produzione. Solo così l’ordine costituito poteva essere messo in discussione e combattuto.

Divisione tra materialismo dialettico e materialismo storico

Il materialismo storico e il materialismo dialettico stabiliscono una divisione che non è stato possibile stabilire, data la continua opposizione alla divisione stabilita dai principali pensatori.

Così, Stalin considerava il materialismo dialettico come l’applicazione delle leggi dialettiche alla natura, così come il materialismo storico come l’estensione delle stesse leggi alla storia e alla società.

Altri autori come Leon Trotsky, fondatore dell’Armata Rossa, sostengono che questa visione di Stalin sia un errore. In questo senso, Trotsky considera che il materialismo dialettico include, tra gli altri, il materialismo storico. In questo modo, considerando che non dovrebbe esserci identità tra i due materialismi.

Storia dell’agricoltura

  • Gruppo di società
  • Breve storia del liberalismo
  • Materialismo dialettico