Globalizzazione

La globalizzazione è un fenomeno basato sul continuo aumento dell’interconnessione tra le diverse nazioni del mondo a livello economico, politico, sociale e tecnologico.

Globalizzazione

L’uso di questo termine è stato utilizzato fin dagli anni ottanta. Cioè, poiché i progressi tecnologici hanno facilitato e accelerato le transazioni commerciali e finanziarie internazionali. E per questo il fenomeno ha tanti difensori – come il Fondo monetario internazionale (Fmi) o la Banca mondiale – quanti detrattori.

In questo processo c’è un’interdipendenza economica, dove aziende e mercati vanno oltre i confini nazionali e raggiungono una dimensione globale.

Si tratta di un processo particolarmente economico, in cui è in atto un’integrazione delle economie nazionali, che determina un aumento del volume e della complessità degli scambi di beni e servizi nell’economia mondiale.

Il mercato dei beni e dei servizi viaggia liberamente in qualsiasi Paese del mondo, grazie alla grande apertura che si è verificata nel settore del commercio e degli investimenti. Attualmente, fattori di produzione come capitale, lavoro e tecnologia fluiscono da un paese all’altro con grande facilità, grazie al processo di globalizzazione.

La globalizzazione ha reso i mercati internazionalizzati, questo implica che ogni produttore compete con tutti i produttori del mondo. La competitività diventa sempre più forte perché deve competere con le aziende che applicano tecnologia e innovazione, offrendo prodotti sempre migliori realizzati a costi contenuti.

Quale capitale viene mobilitato?

Quando parliamo di libera circolazione dei capitali, parliamo di tre tipi di capitale:

  • Capitale commerciale: è il capitale che viene utilizzato nella commercializzazione di beni e servizi nel mercato mondiale, per ottenere profitti. Ad esempio, possiamo citare la società Shell, che vende benzina in quasi tutti i paesi del mondo.
  • Capitale produttivo: è il capitale che viene investito nell’acquisto di fattori di produzione per fabbricare beni e servizi. L’esempio di un’azienda che investe in capitale produttivo è Nike, che ha i suoi stabilimenti produttivi in ​​Cina e Vietnam.
  • Capitale finanziario: è tutto il denaro che viene investito in un altro paese sotto forma di investimenti diretti esteri o tramite crediti. In questo caso possiamo citare l’azienda Nestlé che investe in molti paesi del mondo come una grande azienda transnazionale.
Globalizzazione

Caratteristiche della globalizzazione

La globalizzazione è un processo abbastanza complesso che presenta una serie di caratteristiche che riportiamo di seguito:

  • Facilita l’accesso a un numero maggiore di beni e servizi.
  • Accelerare il processo di apprendimento e ricerca.
  • Si basa sulle nuove tecnologie e sull’accesso a Internet.
  • Consente di combinare culture di diversi paesi o aree geografiche.
  • Promuove il turismo e la mobilità delle persone.
  • Incoraggiare la specializzazione.

Cause e conseguenze della globalizzazione

Il processo di globalizzazione inizia nel XX secolo. Ciò è dovuto a un cambiamento nella strategia geopolitica delle diverse potenze economiche mondiali. Da questo momento in poi si cominciano ad eliminare le barriere al commercio internazionale e si raggiungono accordi importanti quanto la creazione dell’Unione Europea. Questi tipi di misure hanno permesso di liberalizzare il commercio tra i paesi e di avviare questo processo.

D’altra parte, il progresso delle tecnologie e delle comunicazioni ha permesso di semplificare le operazioni internazionali. In questo senso, lo sviluppo di Internet ha permesso di acquisire un prodotto fabbricato in qualsiasi parte del mondo senza uscire di casa.

Insieme a questo, un altro degli effetti della globalizzazione è l’innovazione nel mondo dei trasporti. Questo processo di R+S+i ha permesso di sviluppare mezzi di trasporto molto più efficienti, abbassandone i costi e favorendo lo scambio di merci tra paesi.

Quanto alle conseguenze, la globalizzazione ha migliorato la qualità della vita degli abitanti del pianeta perché ha facilitato l’accesso a molti beni e servizi. Anche se è vero, ha generato anche situazioni di aziende con un potere di mercato molto ampio e che soffocano le piccole imprese.

Allo stesso modo, la cultura di ogni paese è modificata dalle usanze importate da altri paesi. Oggi possiamo trovare nella società di ogni nazione tratti che non sono indigeni, generando una cultura globalizzata e generalista.

Attori della globalizzazione

Sebbene tutti gli agenti economici partecipino alla globalizzazione, ce ne sono alcuni che sono particolarmente rilevanti:

  • Banche multinazionali: sono costituite con capitale straniero e partecipano ad operazioni finanziarie di investimento, il loro obiettivo è aumentare il loro capitale supportando le multinazionali nei loro investimenti in diversi paesi.
  • Imprese multinazionali: si tratta di imprese che vendono beni e servizi all’estero, o producono anche beni e servizi all’estero nelle loro diverse filiali. Sono molto presenti in tutto il mondo, sono grandi, hanno un alto grado di integrazione e sono finanziariamente indipendenti.
  • Istituzioni internazionali : si tratta di organizzazioni che facilitano le transazioni commerciali e finanziarie tra gli attori della globalizzazione. Sono entità come il Fondo monetario internazionale, la Banca mondiale, l’Organizzazione mondiale del commercio, tra gli altri.

Vantaggi offerti dalla globalizzazione

Tra i vantaggi o le opportunità più notevoli abbiamo:

  • Mercati sempre più grandi : I mercati stanno diventando sempre più grandi a causa del fatto che ci sono sempre più accordi commerciali e accordi di libero scambio, che sperano di rendere più omogeneo e più facile il processo di commercio internazionale tra le diverse nazioni del mondo.
  • Sfruttare l’economia di scala: Man mano che il mercato si allarga, le aziende possono trarre vantaggio dalla produzione a livelli più elevati e questo consente loro di ridurre i costi di produzione, rendendo la loro catena di produzione più efficiente ed economica.
  • Accesso rapido alla tecnologia moderna: questo accesso a tutte le moderne forme di tecnologia consente alle aziende di migliorare i propri processi di produzione, trasporto e comunicazione all’interno dei mercati in cui competono. Facilitare tutti i tuoi processi in modo reale ed efficace.
Vantaggi della globalizzazione

Rischi della globalizzazione

  • Devi competere con più aziende e prodotti: le aziende competono con tutti i produttori del mondo a causa della deregolamentazione e del facile accesso a diversi mercati nel mondo. Questo ci costringe ad essere più competitivi, poiché competiamo con tutti i tipi di aziende.
  • I consumatori sono più esigenti: a causa dei miglioramenti osservati nei processi di comunicazione, i consumatori sono meglio informati e questo li porta a chiedere sempre più valori aggiunti nella consegna delle proposte di mercato.
  • Minor margine di profitto: maggiore è la concorrenza, minore è la differenza tra il costo di produzione e il prezzo di vendita del prodotto. Quindi le aziende possono vedere il loro margine di profitto ridotto.
  • Innovazione permanente: L’ innovazione è un requisito prioritario nei mercati attuali, perché l’azienda che non innova scompare dal mercato. I tuoi prodotti diventano rapidamente obsoleti di fronte ai miglioramenti a valore aggiunto della concorrenza.

Infine, possiamo dire che le aziende si sono dovute adattare al processo di globalizzazione. Hanno dovuto cambiare radicalmente, poiché i mercati mondiali stanno diventando più liberi, aperti e globalizzati. Devono imparare ad essere competitivi, perché l’economia è sempre più integrata e questo significa che ci sono standard globalizzati nei processi di produzione e commercializzazione.

Nel mercato globale, tutte le aziende possono accedere a tecnologia, capitale, lavoro e clienti da qualsiasi parte del mondo con poche o nessuna restrizione.

Per far fronte all’ambiente globale e alla crescente concorrenza globale, le aziende devono aumentare la propria capacità di adattamento e innovazione; così come devono migliorare i propri processi produttivi, per realizzare processi produttivi a costi contenuti.

Critica della globalizzazione

I suoi maggiori critici assicurano che questo fenomeno favorisce una maggiore disuguaglianza all’interno di ogni nazione e tra paesi diversi, minando l’identità particolare di ogni popolo. Altri argomenti di non minor peso sostengono che il processo globale favorisce la privatizzazione, aumenta la concorrenza e sfrutta eccessivamente l’ambiente.

Più specificamente, il FMI assicura che i paesi che si sono integrati nell’economia mondiale hanno registrato una crescita monetaria più rapida e sono riusciti a ridurre la povertà. L’organizzazione finanziaria sostiene infatti che la maggior parte dei paesi dell’Asia orientale, che 40 anni fa erano tra i più poveri al mondo, sono diventati paesi prosperi grazie all’applicazione di politiche di apertura all’esterno. Inoltre, man mano che le condizioni di vita sono migliorate, hanno progredito nel loro processo democratico e, dal punto di vista economico, hanno fatto progressi su questioni come l’ambiente e le condizioni di lavoro.

Tuttavia, e secondo il Fondo Monetario, “le opportunità offerte dalla globalizzazione hanno come contropartita il rischio della volatilità dei flussi di capitale e la possibilità di deterioramento della situazione sociale, economica e ambientale; Affinché tutti i paesi possano beneficiare della globalizzazione, la comunità internazionale dovrebbe impegnarsi per aiutare le nazioni più povere a integrarsi nell’economia mondiale, sostenendo riforme che rafforzino il sistema finanziario globale per ottenere una crescita più rapida e garantire un reddito più basso. povertà".

Da parte loro, gli attivisti contro la globalizzazione chiedono una società più giusta, il controllo del potere illimitato delle multinazionali, la democratizzazione delle istituzioni economiche globali e una distribuzione più equa della ricchezza; Infatti, la cancellazione del debito estero è una delle richieste di questo movimento e, quindi, accusano la Banca Mondiale e il FMI della situazione soffocante in cui si trovano la maggior parte dei paesi poveri, incapaci di far fronte alla crisi. debito che in molti casi supera il suo PIL (Prodotto Interno Lordo).

Esempi di globalizzazione

Oggi è facile trovare casi di globalizzazione nella nostra vita quotidiana. Proponiamo i seguenti esempi:

  • Alimentazione. Il cibo è uno degli aspetti che è diventato più globale. Possiamo comprare un hamburger o una pizza da mangiare in qualsiasi parte del pianeta senza la necessità di essere nel paese che ha sviluppato quel cibo.
  • Contenuti audiovisivi. Le piattaforme di streaming ti consentono di ascoltare le canzoni di qualsiasi artista del pianeta o guardare una serie prodotta negli Stati Uniti ovunque tu sia.
  • Imparare nuove lingue. È uno degli esempi più rappresentativi di questo processo. L’apprendimento di nuove lingue è legato a un mondo sempre più globalizzato in cui è richiesto di poter comunicare con chiunque sul pianeta.