Efficienza dei costi

Il costo dell’efficienza o costo dell’efficienza è la perdita economica causata da un’allocazione inefficiente delle risorse.

Efficienza dei costi

Il costo dell’efficienza è spesso chiamato anche perdita secca e può verificarsi quando il mercato di un bene o servizio non è in equilibrio di mercato. Il costo dell’efficienza è caratterizzato dal fatto che la perdita generata da una parte dell’operazione non è compensata dai maggiori profitti che l’altra può ottenere.

Esempi di costi di efficienza

  • Monopolio : quando c’è un monopolio, vengono prodotte meno unità e viene applicato un prezzo più alto rispetto all’equilibrio concorrenziale. Tuttavia, la perdita di efficienza non si riflette nel prezzo più elevato che i consumatori devono affrontare, ma deriva dal fatto che le unità che i consumatori apprezzano non vengono più prodotte e sarebbero disposti a pagare il prezzo di mercato per esse.
  • Tasse : quando viene applicata una tassa a un bene o servizio, il prezzo affrontato dai consumatori generalmente aumenta e il prezzo ricevuto dai fornitori diminuisce. Di conseguenza si riduce la produzione e la vendita del bene. La perdita di efficienza generata dall’imposta deriva dal fatto che ci sono transazioni che vengono valutate e bloccate mentre il governo non può riscuotere per le vendite che non sono state effettuate.
  • Limiti di prezzo e controlli sugli affitti: scoraggia l’offerta quando i consumatori sono disposti a pagare per beni o servizi. I controlli sui prezzi danneggiano sia i venditori che gli acquirenti.
  • Salario minimo: scoraggia l’assunzione di lavoratori, soprattutto di quelli meno qualificati.

In molti casi la perdita di efficienza può essere misurata graficamente. Così, ad esempio, nel caso del monopolio, la perdita di efficienza si misura come l’area che risulta dalla differenza tra la situazione di concorrenza perfetta e l’equilibrio monopolistico.

Quando il mercato passa da un equilibrio competitivo a uno monopolistico, parte del surplus del consumatore viene trasferito al monopolista, ma c’è una perdita di efficienza che corrisponde al valore delle unità che hanno smesso di essere vendute.