Differenza tra IRR e tasso di rendimento geometrico

Il tasso di rendimento geometrico è la percentuale media di rendimento attribuita al gestore del portafoglio ed è calcolato utilizzando la formula della media geometrica dei rendimenti degli asset o del portafoglio di diversi periodi di tempo. Da parte sua, l’IRR è la redditività offerta da un investimento.

Differenza tra IRR e tasso di rendimento geometrico

In altre parole, il tasso di rendimento geometrico è il rendimento medio ottenuto prendendo la media geometrica dei rendimenti del portafoglio in diversi periodi di tempo.

Il tasso di rendimento geometrico è anche chiamato tasso di rendimento ponderato nel tempo .

Decisione dell’investitore e tasso di rendimento geometrico

È importante ricordare che il TGR misura solo la performance del gestore e non tiene conto delle decisioni che l’investitore prende per conferire o prelevare fondi dal portafoglio.

In altre parole, un investimento non ha lo stesso capitale finale se l’importo del capitale viene modificato rispetto al capitale iniziale anche se la redditività è la stessa. Quindi, se l’investitore, per qualsiasi motivo, decide di diminuire il capitale investito, questo influirà sul capitale finale. Allo stesso modo che se l’investitore ritiene opportuno aggiungere capitale all’investimento, anche il capitale finale sarà diverso.

L’investitore è responsabile della decisione di incorporare o prelevare capitale da un investimento. La decisione dell’investitore è anche chiamata politica di investimento.

Tasso di rendimento geometrico e tasso di rendimento interno

Le principali relazioni tra l’IRR e il tasso di rendimento geometrico sono le seguenti:

  • Se l’investitore decide di incorporare denaro e aumenta la redditività del fondo perché il gestore ha fatto bene, allora l’IRR sarà superiore al TGR.
  • Se l’investitore decide di ritirare il capitale dal fondo e il gestore aumenta la redditività del fondo, l’IRR sarebbe superiore all’IRR.
  • Quando IRR e TGR sono equivalenti, significa che la decisione dell’investitore di conferire o prelevare capitale non ha influenzato il capitale finale.

Più schematicamente, quanto sopra può essere riassunto come segue:

  • Se IRR> TGR => L’investitore ha preso la decisione corretta di modificare il capitale iniziale del fondo (conferimento o prelievo di fondi).
  • IRR = TGR => La decisione dell’investitore non influisce sul capitale finale del portafoglio.
  • IRR La decisione di modificare il capitale iniziale del fondo (sia contributo che prelievo di fondi) non è stata delle migliori.

Esempio

Se il gestore ha ottenuto un rendimento del 3% e l’IRR dell’investimento è stato del 5%, l’investitore è stato corretto con la sua politica di investimento?

Diremo di sì, che l’investitore ha fatto la giusta politica di investimento perché l’IRR dell’investimento è superiore al rendimento ottenuto dal gestore, cioè il tasso di rendimento geometrico.