Destra

La legge è un insieme di regole che regolano il comportamento umano e ordinano la società in un dato momento attraverso l’imposizione di regole e la creazione di organi e istituzioni che ne garantiscano il rispetto e l’applicazione.

Destra

Questo sistema normativo, noto come diritto, richiede che sia considerato nella vita pubblica e privata di tutte le persone e può essere imposto con natura coercitiva.

In altre parole, le istituzioni e gli organi preposti a ciò possono ricorrere alla forza, ad esempio comminando ammende o sanzioni per la sua corretta applicazione.

Origine e storia del diritto

Non esiste una data precisa che permetta di datare l’origine del diritto. È noto però che dal 218 a.C. al 476 d.C. fu istituito dai Romani, culla dei sistemi normativi contemporanei, un sistema normativo completo e complesso noto come diritto romano.

Questo diritto romano fu il promotore della principale differenziazione nei sistemi normativi, diritto pubblico e diritto privato. Allo stesso modo, le norme procedurali, i diritti reali, le norme di famiglia e le norme penali, tra le altre, nascono con questo diritto.

Ma la grande impresa del diritto romano fu l’omologazione delle sue norme attraverso il corpus iuris civile, che riuniva in un documento scritto tutte le norme giuridiche di origine romana. Il diritto romano rimane la base del diritto continentale. Il diritto si è evoluto fino a raggiungere l’età moderna dove ha acquisito la caratteristica principale di essere uno strumento dello Stato. Cioè, ha acquisito la sua natura positivista.

Caratteristiche della legge

Le caratteristiche della legge possono essere raggruppate in:

  • Bilateralismo : è necessario che ci siano due parti soggette alla volontà della legge, che differenzia il diritto da una scienza morale.
  • Coercitività : le norme legali possono essere applicate coercitivamente dallo Stato, questo differenzia il diritto da qualsiasi scienza sociale.
  • Eteronomo : Gli standard devono essere emessi da un ente indipendentemente da chi deve rispettarli, garantendo così il rispetto di tali standard. Il che, ad esempio, lo differenzia da una banda terroristica.
  • Gerarchico o sistematizzato : le regole seguono un sistema di priorità e coerenza tra di loro. Formano un sistema complesso.
  • È una scienza sociale indipendente : deve offrire una soluzione coerente per il contesto sociale in cui si svolge.
  • Giustizia : persegue una proiezione equa, sebbene questo termine sia soggettivo per ogni persona.
  • Variabile : Il diritto è una scienza che è influenzata dal momento storico in cui si sviluppa.
  • Onnipresenza : è permanentemente presente durante la vita negli atti quotidiani anche se non ce ne rendiamo conto. Ad esempio, quando effettuiamo l’acquisto.

rami del diritto

Il diritto può essere suddiviso in:

  • Legge naturale: esistenza di regole senza che nessuno debba dettarle in una norma. Cioè, è anteriore al diritto positivo e persino al diritto consuetudinario.
  • Diritto positivo: è l’ordinamento giuridico contemporaneo. Sono gli standard scritti che hanno soddisfatto i requisiti formali e materiali da emettere e che hanno applicazione. All’interno del diritto positivo, è necessario distinguere tra:
    • Diritto pubblico .
      • Legge amministrativa.
      • Legge procedurale.
      • Legge pubblica internazionale.
      • Diritto penale.
      • Diritto costituzionale.
    • Diritto privato .
      • Diritto civile.
      • Diritto commerciale.
      • Diritto internazionale privato.
    • Diritto sociale: questo diritto è associato al diritto pubblico, ma presenta anche caratteristiche di diritto privato.
      • Diritto del lavoro.

Fonti del diritto

Le fonti del diritto sono:

  • Leggi: Le regole scritte che emanano dalla volontà del popolo attraverso i tribunali. Tali norme sono approvate secondo l’apposita procedura designata da ciascuno Stato e sono pubblicate affinché possano essere conosciute da tutti i cittadini. Sono suscettibili di applicazione coercitiva e sono la principale fonte utilizzata da giudici o arbitri per risolvere una causa.
  • Dogana: è conosciuta come common law ed è una fonte sussidiaria della legge. Queste sono esibizioni ricorrenti in un certo luogo.
  • Principi generali del diritto: sono un insieme di idee che attribuiscono alle regole e all’ordinamento giuridico in generale un carattere etico. Sono fonti sussidiarie sia di leggi che di costumi.
  • Giurisprudenza: Sono le sentenze emesse dai tribunali. La giurisprudenza come fonte del diritto è una questione controversa. Negli ordinamenti normativi romani o continentali, la giurisprudenza non è riconosciuta come fonte del diritto perché non ha la funzione di creare il diritto, ma semplicemente di applicarlo e controllarlo. D’altra parte, nel sistema giuridico anglosassone, la giurisprudenza è riconosciuta come fonte del diritto poiché ha il potere di creare il diritto. Cioè, le loro sentenze saranno un precedente e dovranno essere soddisfatte in futuro.

A cosa serve la legge?

Le sue funzioni principali sono:

  1. Direzione di condotta: Funzione fondamentale che promuove o scoraggia comportamenti di valore o disapprovazione. Questa funzione è chiaramente osservata nell’intervento nei processi economici, produttivi e distributivi per soddisfare i bisogni.
  2. Risoluzione dei conflitti: Vige il principio dell’autonomia della volontà che consente agli individui, con determinati limiti e seguendo i canali della legge, di cercare di risolvere autonomamente i conflitti che sorgono soprattutto nei contratti o negli accordi. E se non possono, si rivolgono anche alla giustizia attraverso i tribunali.
  3. Configurazione delle condizioni di vita: Garantisce un tipo di relazione. Ad esempio, limita l’autonomia della volontà stabilendo condizioni di lavoro dignitose.
  4. Organizzazione del potere sociale: creazione di norme secondarie che designano i soggetti e le procedure per creare o modificare le norme e gli organismi che le applicano. Cioè, istituzionalizzare la legge.
  5. Legittimazione del potere sociale: Legittimare è il titolo o il motivo per cui la legge ottiene volontariamente l’obbedienza dei suoi cittadini, un potere sarà legittimato quando sarà accettato da coloro che sono i destinatari delle sue decisioni.