Costo standard

Un costo standard è una misura stabilita dai produttori di beni e servizi, utile per conoscere il livello produttivo ottimale da raggiungere nella loro attività.

Costo standard

Questo concetto rientra nell’ambito della contabilità o dell’economia delle organizzazioni. Consente alle aziende di portare i propri costi unitari a livelli di massima efficienza.

L’analisi dei processi produttivi dà un’idea o un’impressione di efficienza. L’utilizzo di risorse quali materie prime o risorse utilizzate deve essere valutato per determinarne il livello produttivo ottimale.

In questo senso, la determinazione di un certo costo standard consente agli agenti economici di stabilire livelli di produzione efficienti.

Questo accade perché questi livelli indicativi verranno stabiliti nei costi preventivati ​​come guida da seguire nel processo.

In larga misura, il costo standard di un prodotto si tradurrà nella somma di tutti quei costi necessari per realizzarne la produzione. Ad esempio, nel campo della gastronomia, questo concetto si chiama scandalo.

Obiettivo di costo standard

La principale utilità contabile dei costi standard è la stima o misurazione dei processi di produzione di beni e servizi.

In condizioni normali di produzione il costo standard indica il livello di costo stimato per il processo in questione. Cioè, i costi che si stimano da preventivare per intraprendere un particolare progetto.

In altre parole, sono i costi coinvolti in detto progetto e che garantiscono rendimenti ottimali. È inoltre costituito da tutti i costi diretti e indiretti necessari alla produzione del bene o servizio.

Per questo motivo, le organizzazioni stabiliscono i costi standard nei loro inventari e nei loro diversi piani aziendali.

Caratteristiche principali del costo standard

Determinare un livello di produzione ottimale calcolando questo tipo di costo facilita una serie di fatti:

  • Evitare l’apparenza di inefficienze nell’uso delle risorse : esempi di ciò possono essere i resti delle scorte, l’eccesso di rifiuti o il consumo eccessivo di energia.
  • Rappresenta la somma dei costi : Il costo standard è la congiunzione dei costi derivati ​​dalla produzione di un determinato bene. Comprende dalla sua progettazione alla sua preparazione, passando per gli elementi tecnologici ed energetici di base per la sua realizzazione.

Esempio di costo standard

Un approccio semplice a questo concetto è il commento di scandali nel campo della ristorazione o dell’ospitalità.

Grazie a questa approssimazione dei costi sostenuti, un ristorante ha la possibilità di conoscere i costi efficienti nella preparazione di un piatto specifico.

Ad esempio, una pizza speciale può avere un costo standard fissato a 5 euro. Tale importo comprende l’assegnazione delle materie prime necessarie per una pizza, il tempo dedicato alla sua lavorazione e altre spese come il consumo energetico o il costo del lavoro del cuoco.

Si può così definire che la preparazione efficiente di detta pizza prevede l’utilizzo di 20 minuti con un’unica cottura, quantità esatte di olio, sale ed altri elementi e 10 minuti di cottura ad una temperatura prestabilita.

Qualsiasi deviazione da questi tipi di linee guida di solito comporta superamenti dei costi o inefficienze per le aziende. Cioè nella possibilità di ottenere benefici inferiori.