Costo sociale

Il costo sociale, o costo sociale, è la somma del costo alternativo delle risorse utilizzate da un’azienda o dallo Stato per produrre un bene, nonché i costi esterni derivati ​​alla società che produce quel bene.

Costo sociale

Il costo sociale, quindi, si riferisce al costo che la società deve sostenere per le imprese operative.

Tenendo conto della teoria della scelta razionale, si presume che gli individui, quando prendono una decisione, tengano conto solo dei costi che sostengono. In questo modo, non tenendo conto dei costi che tale scelta può generare nella società. Questi costi derivati ​​sono i cosiddetti "costi sociali".

Il costo sociale non deve sempre corrispondere al costo privato. L’inquinamento è un costo sociale che differisce dal costo privato.

Il concetto è un concetto ampiamente utilizzato in macroeconomia.

Come si produce un costo sociale?

Il costo sociale si produce attraverso la produzione di attività economica. In questo senso, si verifica quando, nello sviluppo di un’attività economica, si verificano effetti sulla società. Effetti noti come “esternalità”. Pertanto, quando un’attività economica viene svolta, può avere esternalità positive o negative.

Quando c’è un’esternalità negativa, i costi sociali sono maggiori dei costi privati. In tal modo, quando un’attività economica produce inquinamento, il costo di detto inquinamento per la società potrebbe essere superiore al costo privato sostenuto dall’imprenditore che, con il suo sfruttamento, inquina il suolo.

Quando invece ci riferiamo a un’esternalità positiva, come avviene nell’istruzione, parliamo di un costo privato più elevato, nonché di costi sociali migliori e più bassi. In questo caso si parla di beneficio sociale.

Quando si verifica un’esternalità positiva, possiamo dire che, a volte, c’è un beneficio sociale che è superiore al beneficio privato.

Tipi di costo sociale

I costi sociali possono essere misurati in due modi. In questo senso, si tratta di una misura economica, da un lato. Misurazione il cui obiettivo è calcolare monetariamente il costo sociale di una determinata produzione. Allo stesso modo, d’altra parte, abbiamo la misurazione nella politica economica. Questa è una misurazione più soggettiva.

Si parla quindi delle seguenti tipologie di costo sociale:

  • Costo sociale dal punto di vista della valutazione economica : Si ottiene moltiplicando le risorse impiegate per i rispettivi prezzi sociali; o ciò che è noto come prezzi ombra.
  • Costo sociale dal punto di vista della politica economica : è una misurazione più soggettiva. Si riferisce al guadagno di benessere che si verifica nella società quando viene adottata una misura e non l’alternativa.

Si può quindi dire che si parla dello stesso costo sociale, ma di due misure diverse.

Esempio di costo sociale

Quando una persona acquista un’auto, il costo sociale di tale auto sarebbero i gas che emette all’estero, nonché gli effetti che questi gas hanno sulla salute della popolazione. Chiamiamo questo costo sociale, poiché ha un costo futuro indiretto sulla società. In questo caso si parla di esternalità negativa, quindi i costi sociali sono maggiori.

Un altro costo sociale potrebbe essere quello dell’istruzione. L’istruzione comporta un costo privato per lo Stato, ma innumerevoli costi sociali (benefici sociali) per la popolazione. In questo caso si parla di esternalità positiva, quindi il costo privato è superiore al costo sociale.

Possiamo anche fare l’esempio di un’attività produttiva in cui si produce olio. Quindi, il costo sociale per il Paese sarebbe la quantità di altri beni che cessano di essere prodotti a causa dell’uso delle risorse per produrre petrolio, nonché l’inquinamento che questa attività produce.