Costi sommersi

I costi sommersi sono quei costi che sono già stati sostenuti e non possono essere recuperati in futuro. Includono tempo, denaro o altre risorse che sono state spese per un progetto, investimento o altre attività che non possono essere recuperate.

Costi sommersi

Una regola importante per quanto riguarda i costi irrecuperabili è che non dovrebbero essere presi in considerazione nelle decisioni di investimento economico. Questo, poiché corrispondono al passato e ciò che conta è valutare opportunità di profitto future.

È legato al costo opportunità, perché i costi irrecuperabili sono i costi che abbiamo assunto nella scelta di un’alternativa. Se abbiamo ancora tempo per scegliere l’altra alternativa, poco importano i costi (sommersi) che abbiamo sostenuto quando abbiamo scelto la prima, perché sono già spesi ed è conveniente guardare avanti e sfruttare il tempo.

Ad esempio, supponiamo che tra due alternative, andare al cinema o andare al parco per godersi una giornata di sole, scegliamo di andare al cinema. Ma dopo mezz’ora il film non ci piace per niente. Pertanto, questi costi sono il costo del biglietto per il cinema. Se vogliamo riconsiderare se uscire dal cinema e andare al parco, non dobbiamo tenere conto del costo di ingresso al cinema, perché lo abbiamo già pagato e non lo riavremo indietro.

Esempio di costi irrecuperabili in un’azienda

Supponiamo che un’azienda voglia lanciare un nuovo prodotto per il quale ha commissionato uno studio di mercato al costo di 5.000 euro. Inoltre, ha assunto un designer per realizzare un modello del prodotto su piccola scala, che è costato altri 8.000 euro. A questo vanno aggiunti tempo, ricerca e il modello in scala, che ha richiesto 6 mesi per essere completato.

Una volta ottenuto lo studio di mercato e il modello, l’azienda non è convinta che il prodotto avrà successo. Quale decisione dovresti prendere? Come influiscono i costi irrecuperabili?

La prima cosa da riconoscere è che le spese sostenute (13.000 euro) sono costi sommersi, non verranno recuperati e quindi non devono influenzare la decisione sul prodotto. Sebbene ci sia la pressione di voler recuperare i soldi spesi, questo non dovrebbe interferire con la valutazione se l’investimento è buono o meno.

Molti imprenditori cadono in questo errore, volendo recuperare i costi irrecuperabili, continuano ad investire in progetti che non sono redditizi.