Consumo responsabile

Il consumo responsabile è una decisione di acquisto che analizza gli impatti ambientali e di giustizia sociale che ciò comporta.

Consumo responsabile

Nella società dei consumi è necessario chiedersi che cos’è il consumo responsabile? Solitamente questa decisione di acquisto mira a soddisfare un bisogno e allo stesso tempo a realizzare l’esistenza di una società sostenibile, ovvero a promuovere rapporti di produzione, distribuzione, consumo e smaltimento dei rifiuti meno dannosi per l’ambiente.

In molti casi richiede anche, ad esempio, un ripensamento dei propri desideri di acquisto di beni o servizi, al fine di adeguare la decisione di acquisto alle reali esigenze.

Abitudini di consumo responsabile

Alcuni degli obiettivi o delle azioni per un consumo responsabile includono:

  • Analizzare l’impatto ambientale rispetto al ciclo di vita utile del prodotto.
  • Tipo di commercio che viene favorito con la decisione di acquisto.
  • La qualità dei prodotti acquistati.
  • Il tempo di consumo delle risorse non rinnovabili deve essere uguale al tempo di sostituzione delle risorse rinnovabili.
  • Allineare la quantità di emissioni di rifiuti e di inquinamento con la capacità di assimilazione degli ecosistemi stessi.
  • Individuare e stabilire le preferenze dei consumatori per prodotti e servizi, nel cui processo produttivo rispettare l’ambiente e la giustizia sociale.
  • Cerca per riutilizzare i prodotti che sono stati acquistati per evitare di acquistarne altri.
  • Ricevere beni in prestito o in donazione, per evitare di acquistare un nuovo prodotto.
  • Evita di acquistare beni monouso o usa e getta.
  • Evitare di acquistare prodotti il ​​cui imballaggio genera un aumento dell’inquinamento ambientale e garantire imballaggi a rendere, riutilizzabili o biodegradabili.

I vantaggi del consumo responsabile

Tra i tanti vantaggi del consumo responsabile possiamo evidenziare i seguenti:

  • Riduzione dei livelli di inquinamento e dell’impronta ecologica.
  • Risparmio nel consumo di risorse naturali per la produzione dei beni e servizi acquisiti.
  • Distribuzione più equa della ricchezza.
  • Consapevolezza ambientale.
  • Aumento del tasso di risparmio dei cittadini.
  • Sostegno ai piccoli produttori che rispettano l’ambiente.
  • Risparmio sui combustibili fossili.
  • Miglioramento della salute dei consumatori che lo praticano.
  • Riutilizzo o riciclaggio dei rifiuti.

Correnti che supportano il consumo responsabile

Ci sono correnti che fanno del consumo responsabile la pietra angolare dei loro principi, come: commercio equo, cooperativismo, baratto di prodotti biologici, economia solidale, vegetarianesimo, consumo collaborativo, ecc.

Principi di consumo responsabile

Le persone che prediligono il consumo responsabile vogliono dare un messaggio al mercato, attraverso le loro decisioni di acquisto e seguono alcuni principi che guidano le loro azioni nell’acquisto di beni e servizi, come ad esempio:

  • Principio del lavoro: svolge la funzione di generare posti di lavoro dignitosi. Ovvero, lavori adeguatamente retribuiti o commisurati allo sforzo e al tempo che si dedica al processo produttivo.
  • Principio di equità: rispetta l’inclusione di tutti i settori della popolazione nel processo produttivo. Ad esempio, genere, comunità indigena, preferenze sessuali, età che può lavorare legalmente, ecc.
  • Sostenibilità ambientale: se soddisfa il minor impatto ambientale negativo durante il processo produttivo.
  • Principio di cooperazione : rispetta un buon rapporto tra produttori, tra produttore e governo, tra governi, ecc.
  • Non profit: nel caso in cui sia così, se si analizza a chi giova l’iniziativa, se si tratta solo di speculazioni di immagine pubblicitaria o se si tratta davvero di sostenere una fascia vulnerabile della popolazione.
  • Impegno per l’ambiente: rispetta, ad esempio, il sostegno alla comunità; fornitura di materie prime dalla località, preferendo prodotti e servizi, che nella loro elaborazione impiegano persone della stessa località, tra gli altri.

Importanza del consumo responsabile

Il consumo responsabile è diventato essenziale per garantire la sostenibilità del pianeta. In questo senso, è necessaria una consapevolezza sociale su questo aspetto al fine di ridurre i tassi di inquinamento che attualmente subiamo.

È un’abitudine di consumo che permette ai cittadini di godere di un adeguato tenore di vita, danneggiando il meno possibile l’ambiente. In questo modo i consumatori acquisiscono nel mercato la quantità di beni e servizi di cui hanno realmente bisogno e che garantiscono il rispetto della sostenibilità dei nostri ecosistemi.

Tipi di consumo responsabile

Esistono molti tipi di consumo responsabile, di seguito segnaliamo i più importanti:

  • Consumo sostenibile: si basa sul consumo di beni e servizi che utilizzano fonti di energia rinnovabile nella loro produzione e non utilizzano prodotti dannosi per l’ambiente.
  • Consumo solidale: è quel consumo realizzato con una prospettiva sociale e che è di interesse sia proprio che collettivo. Ha un focus relativo al supporto dei lavoratori e delle imprese locali.
  • Consumo critico: consiste nel consumare solo ciò che è necessario, lasciando da parte gli impatti pubblicitari o determinate tendenze sociali.
  • Consumo consapevole: si verifica quando il consumatore è consapevole delle ripercussioni che l’acquisizione di un determinato bene o servizio ha sull’ambiente.

Esempi di consumo responsabile

Proponiamo alcuni esempi di consumo responsabile:

  • Prodotti alimentari ecologici.
  • Carta da ufficio riciclata.
  • Dispositivi tecnologici con componenti riutilizzati.
  • Pannelli solari.
  • Prodotti per la cura della persona senza sostanze chimiche dannose per l’ambiente.