Capitale intellettuale

Il capitale intellettuale è la somma di tutti i beni immateriali che un’azienda, attraverso l’innovazione e lo sviluppo, è riuscita a trasformare in conoscenza e valore aggiunto, presente o futuro.

Capitale intellettuale

Il capitale intellettuale, in altre parole, si riferisce a tutti i beni immateriali (quelli che non si vedono). Intangibili che, attraverso lo sviluppo e gli investimenti in innovazione e progresso, hanno finito per diventare conoscenza utile per le aziende. In questo modo il bene immateriale, per essere considerato capitale intellettuale, deve fornire un certo valore all’impresa.

Data la professionalizzazione dei settori dell’economia, il capitale intellettuale è un concetto relativamente nuovo. Bene, stiamo parlando che questo concetto, insieme ad altri, ha iniziato ad essere utilizzato nelle aziende nel 1997. È stato in quest’anno che autori come Brooking o Steward hanno iniziato a utilizzare il concetto negli studi. Studi che, in seguito, sono stati applicati nelle aziende, nel campo sociale, oltre che nel mondo accademico.

Che cosa è considerato capitale intellettuale?

Sebbene non vi sia un alto grado di consenso su cosa sia considerato capitale intellettuale e cosa no. Molti autori hanno adottato approcci comuni al concetto. In sintesi, il capitale intellettuale è raggruppato in tre grandi blocchi. Insieme, questi blocchi rappresentano ciò che chiamiamo capitale intellettuale.

Questi tre blocchi a cui ci riferiamo sono i seguenti:

  • Capitale relazionale : Il capitale relazionale si riferisce all’insieme dei legami, nonché degli accordi, e, in breve, alla totalità delle relazioni che l’azienda ha con il suo ambiente. Cioè, tutte le relazioni che l’azienda ha, siano esse con fornitori, concorrenti, azionisti, clienti, partner, ecc. Sebbene molti cerchino di misurare le relazioni dell’azienda con indicatori selezionati, è ancora considerata una grande difficoltà misurare l’intero contributo di ciascuna relazione all’azienda stessa.
  • Capitale umano : Il capitale umano è l’insieme delle competenze possedute dai lavoratori che svolgono le proprie funzioni in un’azienda. Talento, conoscenze, competenze, capacità di innovazione, valori. Tutto ciò che riguarda le competenze che i lavoratori hanno in azienda, aggiungendo così valore ad essa.
  • Capitale organizzativo : Il capitale organizzativo si riferisce all’insieme dei sistemi organizzativi che, attraverso l’esperienza, l’azienda ha sviluppato e professionalizzato nel corso della sua storia. Il capitale organizzativo, come il capitale umano, fa riferimento a una serie di conoscenze che, grazie all’esperienza, sono state acquisite nel tempo, ottenendo miglioramenti sostanziali delle prestazioni, fornendo così valore aggiunto all’azienda.

Differenza tra proprietà intellettuale e risorsa intellettuale

Sebbene sembri che entrambi i concetti siano collegati, la proprietà intellettuale e il bene intellettuale sono concetti completamente diversi. Cioè, sebbene entrambi siano integrati nel blocco del capitale intellettuale, stiamo parlando di due tipi di capitale intellettuale, ma presentano importanti differenze chiave.

In primo luogo, il bene intellettuale è qualsiasi bene immateriale che è stato creato all’interno di un’azienda. Questi beni sono di grande importanza e valore per l’azienda, poiché, in molti casi, il suo successo dipende da loro. Tuttavia, questo capitale intellettuale, a differenza della proprietà intellettuale, non può essere registrato attraverso le leggi sulla proprietà intellettuale, cioè non può essere protetto. La difficoltà di quantificarne il valore fa sì che il capitale intellettuale venga escluso dalla regolamentazione in materia di registrazione della proprietà intellettuale.

D’altra parte, la proprietà intellettuale, come indica il nome, include tutti quei beni immateriali che, secondo le leggi sulla proprietà intellettuale, si trovano al loro interno. Si tratta di beni immateriali di cui possiamo generare approssimazioni di valore come marchi, brevetti, processi, nonché tutto ciò che ha un valore quantificato e può esserci rischio di appropriazione indebita o furto.