Capitale emesso

Il capitale emesso è il valore nominale dell’insieme delle azioni che una società lancia, per la vendita, sul mercato. Questo può essere firmato dal pubblico in generale, così come dagli azionisti .

Capitale emesso

Il capitale emesso è il valore totale dell’insieme di azioni che una società lancia sul mercato. In altre parole, quando una società emette azioni del proprio capitale, sia per la prima volta che come aumento di capitale, il capitale emesso si riferisce al valore totale delle azioni che la società mette in vendita, a disposizione degli investitori interessati. Questi investitori possono essere attuali azionisti della società o nuovi investitori.

Il capitale emesso può essere emesso in azioni con sovrapprezzo o sconto di emissione. Cioè, quando un’azione viene emessa con un premio, l’investitore deve pagare un importo superiore al valore nominale dell’azione sul mercato. Quando invece l’azione è emessa a sconto, l’investitore può acquistare l’azione ad un valore inferiore al valore nominale a cui l’azione si trova sul mercato.

Differenza tra capitale emesso e capitale sottoscritto

Questo concetto non deve essere confuso con il capitale sottoscritto. Cioè, il capitale emesso è il valore totale delle azioni che viene messo a disposizione degli azionisti o del pubblico in generale per l’acquisizione. Intanto il capitale sottoscritto è, infine, il capitale che gli azionisti o il pubblico hanno acquisito nel mercato della società che ha lanciato il capitale, cioè il valore del numero di azioni che sono state sottoscritte (acquistate).

Ciò significa che il capitale sottoscritto, a volte, non è uguale al capitale emesso. Questo perché non vi è alcun obbligo che tutte le azioni immesse sul mercato debbano essere acquistate dagli azionisti.

Esempio di capitale emesso

Supponiamo che un’azienda voglia espandersi in altri paesi, quindi vuole fare un investimento di $ 100.000. Per fare ciò, la società vuole effettuare un aumento di capitale di 100.000 dollari.

Le azioni della società sono quotate al NASDAQ a un valore nominale per azione di $ 20. Pertanto, poiché la società non intende emettere le nuove azioni a sconto o con sovrapprezzo, le emette allo stesso valore nominale che sono sul mercato.

Pertanto, poiché vuole raccogliere $ 100.000, la società lancia sul mercato 5.000 azioni per un valore di $ 20.

Dopo il lancio delle azioni, gli investitori, poco entusiasti del progetto, vogliono acquistare 3.000 azioni. Cioè, del capitale emesso, che era di $ 100.000, sono stati sottoscritti 3.000 titoli. Questi titoli, a 20 dollari per azione, rappresentano 60.000 dollari. In altre parole, il capitale sottoscritto è stato di $ 60.000, mentre il capitale emesso è stato di $ 100.000.